Mi chiamo Sebastiano

...e da quando ho ricordi, se dovessi parlarvi di mio nonno, vi direi che era sempre chino sul suo banchetto da lavoro a realizzare gioielli che poi, una volta finiti, ti presentava con un bel sorriso stampato in faccia quasi a dire "questo è ciò che mi rende felice". 

Essendo piccolo non lo capivo ancora e lui per tenermi buono tra pinze, lime, martelli e macchinari pericolosi del suo laboratorio mi dava vecchi orologi da smontare, che puntualmente non ero capace a rimontare, rimanendo anche un pò deluso.

Negli anni ho intrapreso un percorso diverso da quello di famiglia, ma al momento della verità mi ci sono ributtato a capofitto. Cercando di trovare quella felicità sommersa tra mille doveri e conoscenze che necessitano il lavoro del Gioielliere e dell'Orafo. Mi sono "sporcato" le mani con oro e argento, fatto tagli sulle dita, bruciature, ho imparato a lucidare, saldare e fondere i metalli, conoscere e riconoscere le pietre preziose, realizzare i miei primi gioielli e sapere come proporli ai miei clienti in base ai loro gusti. 

Ho capito mio nonno dopo molto tempo.  E' successo quando ho visto una ragazza camminare per il corso principale della mia città con indosso una mia collana... sorridevo.